Soffri di dipendenza da Strava?

Soffri di dipendenza da Strava?

Sei ossessionato da KOM e segmenti? Sei tormentato dalle notifiche in app? E’ solamente un modo di fare fitness divertendosi? Confessione di un fanatico di Strava.

In questi anni Strava domina sempre più l’acquisizione di dati da parte dei ciclisti, oltre a far parte delle nostre conversazioni tale piattaforma è diventata una fonte di divertimento mista a preoccupazione.

 If it’s not on Strava, it didn’t happen.

Ben Dowman è uno specialista in psicologia, performance coach e programmazione neuro-linguistica (NLP). È anche uno Stravadipendente che si è confessato.

“Come con qualsiasi dipendenza, la consapevolezza di avere un problema è un lento rivolo – mi ha insinuato”, dice. “Un giorno ho guardato tutte le piccole cose che avevo fatto, come il giorno in cui il mio coinquilino è tornato a casa per trovarmi nudo in cucina perché avevo iniziato a caricare l’attività mentre mi cambiavo. Eccomi lì, in attesa che finisse, disperato di vedere i miei segmenti, nudo.

“Ho pensato ai tempi in cui mi ero precipitato a cercare il Wi-Fi in vacanza, per poter caricare le mie corse. Il tempo in cui ho trascorso tre ore sul mio portatile selezionando i segmenti che volevo provare. Ho una lista di segmenti archiviati in base alla direzione del vento, in modo che quando controllo il meteo ho un riferimento rapido per i segmenti da cacciare.

“Ammetto che uscire il giorno dopo per ottenere un KOM è piuttosto infantile, ma l’ho fatto. So in ogni momento esattamente quanti KOM ho –  al momento 268.

“La crisi è arrivata una sera quando ero fuori a cena con la mia ragazza e ho ricevuto una notifica che avevo perso un KOM serata rovinata. Dopodiché ho deciso di disattivare le notifiche istantanee, perché non giovava al nostro rapporto. “

La dipendenza è definita come “un bisogno compulsivo e l’uso di una sostanza che forma l’abitudine; uso compulsivo persistente di una sostanza conosciuta dall’utente per essere dannosa. “Su questa base, quando parliamo di dipendenza da Strava, stiamo usando un termine troppo forte?

“Non esiste mai una definizione in bianco e nero di cosa sia una dipendenza”, spiega Dowman. “Per identificare una dipendenza, è possibile verificare contro un elenco di comportamenti. Una persona dipendente può manifestarne molti, mentre altri possono mostrarne solo uno o due.

D’altra parte, molti utenti di Strava sono disposti ad ammettere il loro uso è compulsivo dell’app. La dipendenza da Strava è un giochetto ciclistico e un hashtag sui social media, ma c’è un lato oscuro.

“Per definizione, la dipendenza è dannosa, e sì, essere dipendenti da Strava può essere dannoso”, afferma Dowman. “Devi chiedertelo, hai il controllo di Strava o Strava ha il controllo su di te? Ti senti come se un giro senza Strava non varrebbe la pena farlo? Strava sta diventando più importante di godersi il giro stesso? Se è così, è necessario iniziare a mettere in discussione il suo ruolo nel ciclismo. “

Ci sono molte app diverse che registrano attività, le tue statistiche sulle prestazioni, ma poche hanno una presa così salda sulla community ciclistica come Strava. Cos’ha Strava da renderlo così avvincente? Dowman pensa che abbia a che fare con il modo in cui il sito ci permette di adulare noi stessi.

“Penso che la gente lo usi per diversi motivi. La risposta razionale è che è un ottimo strumento di allenamento: puoi misurare i miglioramenti e competere con te stesso. Ma ciò che realmente segna da ogni altra app sono i segmenti, la competizione con gli altri. Penso che riguardi lo status. A tutti noi piace sentirsi bene con noi stessi.

“Con Strava, puoi essere un grande pesce in un piccolo stagno, e in modo critico puoi scegliere la dimensione dello stagno. Se non sei il KOM, puoi cliccare sulla fascia d’età o il tuo club o le persone che stai seguendo e confrontarti con loro.”

Non è tutto narcisismo; ci sono anche dei vantaggi, Dowman crede: “Il rovescio della medaglia, l’angolo positivo, è che ti permette di avere un obiettivo realizzabile. Alcune persone non avranno mai un KOM, ma possono lavorare per essere il più veloce tra i loro compagni o il loro club. Perché gli obiettivi siano attraenti, devono essere impegnativi ma realizzabili “.

“Prima di Strava, l’unico modo per competere era gareggiare, Strava ha totalmente cambiato il panorama competitivo, puoi uscire e gareggiare quando vuoi, e questo è molto motivante.”
Ovviamente, poiché non stai fissando un numero e ti stai avvicinando ai tuoi avversari, la gara è spesso anonima.

“Corri un rischio molto inferiore di perdere la faccia”, aggiunge Dowman. “Nessuno sa come ti sentivi quando sei uscito da solo … In una situazione di gara, per definizione sei a tutta, mentre su Strava nessuno sa se stavi dando il massimo.”

Tuttavia, la mancanza di conoscenza di un segmento in arrivo può essere la rovina di molti ciclisti. Un minuto chiacchieri con il gruppo, il minuto dopo qualcuno ha lanciato un attacco. Nei tempi pre-Strava, avevamo solo i cartelli stradali come riferimento.

“La prima cosa è valutare è se il tuo utilizzo sta diventando problematico”, afferma Dowman. “La consapevolezza è il primo passo e la maggior parte delle persone è in grado di moderare il proprio comportamento, ad esempio, se hai mangiato troppo per un po ‘, puoi rilassarti un po’.” La maggior parte delle persone riesce a gestirlo. Ho avuto un periodo senza bici, non ho guardato le statistiche per un po ‘, la cosa mi ha aiutato “.


“A volte faccio un giro che è solo un giro”, dice Dowman. I giorni senza segmenti e statistiche potrebbero essere un modo per rompere l’abitudine, ma fare a meno dei dati non è facile.

“Non è lo stesso Strava a creare dipendenza”, conclude Dowman, “è il comportamento della persona che lo usa. Strava promuove un uso salutare dell’app, e i suoi punteggi di sofferenza e informazioni sulla freschezza sono lì a vantaggio del tuo allenamento e delle tue prestazioni. Una lama può essere usata per pugnalare qualcuno o può essere usata per eseguire un intervento chirurgico. Il risultato è determinato dall’utente.

La dipendenza da Strava è potenzialmente dannosa. Ma allo stesso tempo, l’app ha enormi vantaggi in termini di formazione, ricerca del percorso, connessione sociale e comunità. Come sempre la chiave è trovare un equilibrio.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.